Il Sumai aderisce alla Cida. Magi: “Occasione per la nostra categoria di un nuovo protagonismo sociale”

 

26 MAG - Il Sindacato unico medicina ambulatoriale italiana che rappresenta il 90% dei medici specialisti presenti sul territorio nazionale è entrato a far parte della famiglia della

Confederazione Italiana Dirigenti e Alte Professionalità. Per Ambrogioni, presidente Cida, con questo ingresso “viene riconosciuto il nostro ruolo di rappresentanza e di tutela degli interessi delle categorie ad alta professionalità”.

 

 

Con l’ingresso del SUMAI – Assoprof, la CIDA, la Confederazione Italiana Dirigenti e Alte Professionalità, organizzazione che ha oltre 70 anni di storia amplia il proprio ruolo di rappresentanza e di tutela degli interessi delle categorie ad alta professionalità.

 

 “Il SUMAI Assoprof e la CIDA ritengono che il nervo scoperto del nostro paese sia l’eclissi di una classe dirigente che si ponga e proponga come driver di una società che vuole cambiare, innovare, riscoprire un forte senso etico dello stato e che ritrovi la propria missione e che contrasti la tendenza a rifugiarsi nel privato creando un vuoto in cabina di regia”. Così Antonio Magi, segretario generale del SUMAI Assoprof, spiega le ragioni che hanno spinto il sindacato degli specialisti ambulatoriali ad aderire alla CIDA, la Confederazione Italiana Dirigenti e Alte Professionalità.

 

“Siamo convinti – aggiunge il segretario del SUMAI Assoprof – che tutta la dirigenza e le alte professionalità abbiano il problema di ripensare il proprio ruolo e avvertano il bisogno di una rilettura dei criteri di selezione e formazione, di un rafforzamento della propria legittimazione sociale. Anche chi rappresenta la dirigenza e la professione (Associazioni Sindacali e non, Federazioni e Confederazione) deve valutare la possibilità di affermare nuovi modelli operativi, di governance, di politiche. Il Paese chiede managerialità diffusa: nella sanità, nella scuola, nella PA in quanto sono in atto cambiamenti irreversibili di cui come SUMAI Assoprof, assieme a CIDA, dovremmo farci carico”.

 

“Attraverso questa adesione – conclude Magi – si vuole offrire alla Categoria un nuovo protagonismo sociale partendo da un presupposto: insieme alle componenti di CIDA rappresentiamo una quota rilevante di quel capitale umano, portatore di conoscenze, senza il quale diventa vano parlare di innovazione, competitività, efficienza. Ebbene, il valore di questa nostra adesione sta qui, sta nel far percepire al Paese quanto possiamo e vogliamo dare per la sua crescita ed il suo sviluppo armonico”.

 

“Con l’ingresso dei medici specialisti ed ambulatoriali del SUMAI-Assoprof – aggiunge il Presidente CIDA Giorgio Ambrogioni – viene riconosciuto il nostro ruolo di rappresentanza e di tutela degli interessi delle categorie ad alta professionalità. Ma i manager dell’industria privata e del terziario, i dirigenti della Pubblica amministrazione e della scuola, le nuove figure dirigenziali della sanità, non sono soltanto categorie caratterizzate da elevata professionalità ed altrettanto elevata responsabilità. Sono anche parte importante della classe dirigente del Paese e come tale non possono sottrarsi dal rendersi protagonisti dello sforzo comune per far uscire il Paese dalle secche dell’insufficiente sviluppo economico e della perdita di competitività che ci allontanano dal cuore dell’Europa”.

 

“Competenza, formazione continua, riconoscimento del merito sono insiti nel nostro Dna, sono valori alla base dei percorsi professionali che ognuno di noi ha intrapreso pur nella sua specificità. Valori – conclude Ambrogioni – che si identificano in un modello di selezione che, senza peccare di presunzione, pensiamo sia mutuabile anche da parte della classe dirigente politica”.

 

La CIDA

viene costituita il 16 ottobre 1946 ed affonda le sue radici in una tradizione sindacale ben radicata a livello nazionale e che per settanta anni ha rappresentato e supportato le istanze provenienti dalla dirigenza e dalle alte professionalità italiane.

 

Forte di questa storia CIDA si propone di innovare la politica sindacale, il rapporto con le Istituzioni, con la Politica e con le altre Parti Sociali senza dimenticare però tutti quei nuovi soggetti che, seppur non formalmente riconosciuti a livello istituzionale, influenzano con le loro azioni la vita politica e sociale italiana e come espressamente dichiarato dallo statuto si impegna affinché il ruolo della Dirigenza e delle Professioni venga valorizzato al di là dei prerequisiti di professionalità e competenza: responsabilità sociale, senso etico, trasparenza, generosità sono i valori che costituiscono i tratti distintivi della Confederazione che trova indispensabile, per aumentare la competitività del sistema Paese, puntare su una dirigenza pubblica e privata e sulle Alte Professionalità impegnate in modo sinergico e lungimirante.

 

Attraverso le sue organizzazioni sindacali, che aderiscono, CIDA (con oltre 150mila aderenti) in servizio e pensionati sia pubblici che privati è presente con propri rappresentanti in tutti i principali Enti pubblici (Inps, Inail, Cnel, ecc.) e nelle maggiori Commissioni e Gruppi di lavoro istituiti presso i vari Ministeri e presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

La Confederazione è inoltre socia fondatrice della CEC (Confederazione Europea dei Manager) ed esprime un proprio rappresentante nel CESE (Comitato Economico e Sociale Europeo).

 

Aderiscono a CIDA, oltre al SUMAI Assoprof

Federmanager Federazione Nazionale dei Dirigenti e delle Alte Professionalità delle Aziende Industriali

Manageritalia Federazione dei Manager del Terziario

Cimo Confederazione Italiana Medici Ospedalieri

FP – CIDA Federazione Nazionale dei Dirigenti e delle Alte Professionalità della Funzione Pubblica

Sindirettivo Banca Centrale Sindacato del Personale Direttivo della Banca d'Italia

Fidia Federazione Italiana Dirigenti Imprese Assicuratrici

FNSA Federazione Nazionale Sindacato Autori

Federazione III Settore – Sanità Non Profit CIDA Dirigenti e delle Alte Professionalità degli Enti e delle Istituzioni non profit

FeNDA Federazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità dell'Agricoltura e dell'Ambiente

SAUR Sindacato Autonomo Università e Ricerca

Sindirettivo Consob CIDA Sindacato del Personale Direttivo della Consob

Iscriviti al sindacato

Per iscriversi al SUMAI basta inviare direttamente una mai(a sumai@sumaiweb.it) con la la scheda compilata o inviarla per fax allo 06/23219168

 

 

 

SUMAI ASSOPROF

Segreteria Generale
Via Lamaro, 13 00173- Roma
tel.06/2329121-fax 06/23219168

 

Invia una mail

Registrazione

La registrazione al sito web del SUMAI è riservata ai soli iscritti del Sindacato.

Registrandosi, gli iscritti potranno accedere ai documenti ed ai contenuti riservati.