Lorenzin: “Sulla salute si danno i numeri. Troppi 12 milioni di italiani che rinunciano a  curarsi”  


 

20 GIU - Il ministro della Salute, in un’intervista a La7, contesta i dati del Censis secondo cui una dozzina di italiani rinunciano a curarsi. “Se fossero davvero così tanti – afferma il ministro – c sarebbero praticamente tutti, togliendo le fasce più giovani che non richiedono assistenza particolare. A noi questi dati non tornano” e aggiunge “ Bisogna cominciare a parlare delle cose su dati oggettivi, non si può continuare a parlare di dati che non ci sono”.

 

Sulla salute in Italia si danno i numeri. Lo dice il ministro Beatrice Lorenzin che ha sollecitato l’acquisizione dei dati in cui mostrano oltre 12 milioni di Italiano che rinunciano alle cure, ma non solo. Secondo Lorenzin intervistata a La7 “Sono una esagerazione se fossero davvero così tanti sarebbero praticamente tutti, togliendo le fasce più giovani e che non richiedono di assistenza particolare. A noi questi dati non tornano, li vogliamo vedere e verificare e semmai farci su uno studio operativo. Bisogna cominciare a parlare delle cose su dati oggettivi, non si può continuare a parlare di dati che non ci sono”.

I nuovi poveri ci sono, ha ammesso il Ministro e sono spesso donne e bambini, ma ha ricordato anche che in realtà tutte le Regioni hanno la possibilità di assistere i più poveri e fragili e se le condizioni economiche di un individuo non gli consentono di pagare i ticket  vuole dire che questa persona potrebbe essere esente, ma non accede ai suoi diritti perché nessuno glieli spiega, perché in alcune Regioni l’organizzazione non funziona.

Le best practice ci sono, ha ricordato il ministro, soprattutto per evitare le liste di attesa: in Emilia Romagna ad esempio – ha ricordato – hanno sospeso l’intramoenia finché non saranno riassorbite.

“Con l’Istituto per le migrazioni – ha aggiunto Lorenzin – diamo assistenza già a oltre 100mila persone l’anno che ormai spesso non sono solo migranti, sono persone a disagio a cui vengono offerte prestazioni di massimo livello. E dopo l’estate intendo adottare linee guida che stiamo preparando sulle persone povere. Abbiamo persone che non hanno la capacità di esercitare i propri diritti: le Asl in questo non possono essere un muro, devono aiutarli aa accedere a cose a cui oggi già hanno diritto. E credo sia davvero un problema dell’organizzazione delle singole Regioni che va risolto per non esplodere in un vero e proprio problema sociale”.

“Abbiamo bisogno di arrivare ai cittadini – ha concluso il ministro – dobbiamo metterci nelle condizioni di essere pronti a quello che saranno i prossimi anni, con la popolazione che invecchia e va aiutata, va organizzata, va supportata, altrimenti possiamo fare linee di indirizzo o quanto altro e non funziona. Dobbiamo imparare ora a farcene carico, questa è la vera sfida del welfare. Spesso le persone hanno più bisogno di essere indirizzate che altro”. 

 

fonte: quotidianosanita.it

Iscriviti al sindacato

Per iscriversi al SUMAI basta inviare direttamente una mai(a sumai@sumaiweb.it) con la la scheda compilata o inviarla per fax allo 06/23219168

 

 

 

SUMAI ASSOPROF

Segreteria Generale
Via Lamaro, 13 00173- Roma
tel.06/2329121-fax 06/23219168

 

Invia una mail

Registrazione

La registrazione al sito web del SUMAI è riservata ai soli iscritti del Sindacato.

Registrandosi, gli iscritti potranno accedere ai documenti ed ai contenuti riservati.