Sasn: Alioto “Il ministero della Salute fa un passo indietro e apre al confronto”

 

04 OTT - Secondo il segretario organizzativo nazionale settore Sasn, Stefano Alioto, il Capo di Gabinetto del Ministro ha mostrato disponibilità a rivedere alcune scelte, in particolare la chiusura di alcuni Servizi a Roma, Savona e Trapani, e ad aprire un confronto con le parti sindacali. L’impegno delle parti a rivedersi in tempi brevi.

 

 

“Il 3 ottobre scorso si è tenuto l’incontro dei sindacati con il Capo di Gabinetto del Ministro Lorenzin, sulla delicata problematica dell’ipotesi di chiusura di alcuni Servizi SASN, in particolare Roma, Savona e Trapani”. Così Stefano Alioto, segretario organizzativo nazionale settore Sasn, al termine del vertice.

 

“L’incontro si può considerare del tutto positivo, in considerazione del riconoscimento formale da parte del Capo di Gabinetto che avere gestito un problema così delicato in maniera unilaterale è stato un errore della Pubblica Amministrazione per cui abbiamo colto la disponibilità a rivedere le scelte proposte e ad aprire un confronto con le parti sindacali per esaminare le nostre proposte”.

 

“Nel corso della riunione – ha aggiunto Alioto – abbiamo evidenziato l’eccellenza dei Servizi SASN ed in particolare che una città come Roma non può non avere un Servizio che gestisce più di 5.000 utenti. Il nodo centrale è pertanto che il poliambulatorio all’interno di Roma deve rimanere, sia esso in villa Belardi che eventualmente in Via Ribotta, razionalizzando gli ambulatori di Ostia e Fiumicino, mentre per Trapani e Savona abbiamo proposto che siano accorpati nei locali degli USMAF, considerato che con la riorganizzazione del Ministero, in atto, siamo un unico ufficio, rispondendo così all’esigenza di razionalizzazione dei costi”.

 

Alioto ha quindi concluso “Valuteremo con molta attenzione le proposte che verranno formulate in merito, garantendo la tutela di tutto il personale medico e non medico che opera in queste strutture. Alla fine della riunione, il Capo di Gabinetto si è impegnato a rivederci in tempi brevi per formulare una proposta di riorganizzazione che valuteremo con molta attenzione”.

 

Iscriviti al sindacato

Per iscriverti al SUMAI ti basta inviare una mail con la scheda compilata alla provincia di tuo inteesse

(provincia@sumaiweb.it)

e per conoscenza alla Segreteria Nazionale (sumai@sumaiweb.it)